Search for content, post, videos

An interior design blogging award, and something more about Italian bark blog

Ikea blogin
I’m already late to talk about this -my colleagues did it yesterday , in their own blogs… This is a post to share the award I’ve won as 2nd for Originality in the contest “Blog -In” announced by Ikea with the aim of selecting the best Italian interior design blogs. Needless to say, that there are so many interesting blogs that for myself this award for my young Italian Bark blog is really a great satisfaction….And being recognized as original in these times when there is so much of everything out there in the net, is a even greater achievement!
And actually I use to doing so, to move forward on my way, looking around a lot but in the end doing things in my way and I’ve always thought that originality and authenticity are the right qualities to be pursued. I’m not used to talk about myself in my blog and I’ve chosen not doing this, I would like Italian Bark to be a blog for information and inspiration, not a personal diary, but even different from an unpersonal interior magazine…
But today I will take this opportunity and I will talk a little bit about me and my blog.

Download our free Interior Trend Reports

and join more than 5000 subscribers to our weekly newsletter: unreleased contents, free trend reports and special discounts for our trend book and webinars

I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

I’ve started just at the beginning of 2013, actually by chance, I already had a personal website in English and there was always that little box “add a blog” in my online editor that called me …At high school I was quite good at writing (at any rate, this was the opinion of my Italian teacher)…A short period with less work in the architectural practice I work with, so a little more time free, then so much material about design and interiors collected over the years, such as magazines, catalogues and a well-stocked list of “favourite” websites and blogs (especially American blogs, I  used to read Design Sponge still at university) … and that’s how I’ve started my blog, inventing this strange name that refers to my passion for dogs.

Blogging has become my main hobby, and I’ve started to enjoy those things that seem to be somehow far from architecture, like web graphic , social marketing, writing for the web, copyright , photography… A blog needs perseverance to be carried on, as well as a continuos update in many different fields…there’s still so much work to do! And then, there are all those people I’ve met thanks to Italian Bark, maybe very different from myself but with the same passion as mine, and it is a continuous learning one from each other.
I’m also learning to interact a bit more with people, they say that Gemini is the sign of communication but , I say, I’m not such a talkative person…I use Facebook very little, and instead I’m fond of Twitter (you can find me @italianbark ) and of its 140-character limit. Love English too, such a coincise language.

Well, let’s close this unusual post, and see you tomorrow with a post full of images!

(ITALIAN VERSION BELOW)

ita – Sono già in ritardo per parlarne, le mie colleghe lo hanno già fatto ieri nei loro blog…un post per condividere una bella soddisfazione, la vittoria del secondo premio Originalità del concorso “Blog-In” indetto da Ikea con la volontà di individuare i migliori blog in italia con tema la casa. Inutile dire che ci sono moltissimi blog interessanti e ben fatti, magari di persone che lo fanno praticamente di mestiere, e per me che ho iniziato Italian Bark da nemmeno un anno è davvero una bella soddisfazione….per di più essere originali ormai con tutto quello che c’è in rete è così difficile che essere riconosciuta tale è davvero un gran traguardo!

E in realtà io sono sempre stata abituata così, ad andare avanti per la mia strada, mi guardo molto intorno ma alla fine penso che l’originalità e l’autenticità delle cose paghi. Parlo poco di me nel mio blog e ho scelto appositamente di farlo,  vorrei che Italian Bark rimanesse un blog informativo e di ispirazione, non un diario personale, ma nemmeno un magazine di interni impersonale (ce ne sono già così tanti di validi!), e non è sempre facile lasciare la propria ‘impronta’ mantendendosi comunque distaccati…a mala pena condivido qualcosa della mia casa, sarà che a casa ci passo talmente poco tempo che già è un traguardo metterla in ordine? Ma oggi ne approfitto e parlo un pò di me e del mio blog, ecco.

E’ partito a inizio 2013 in realtà per caso, un sito personale in inglese fai da me l’avevo già da un pò e c’era sempre quella casellina “add a blog” nel mio editor online che mi chiamava… Al liceo pare fossi bravina a scrivere (così almeno diceva la mia prof. di lettere, anche se forse la facoltà di architettura mi ha fatto dimenticare come si scrive?…), un breve periodo di calo di lavoro in studio (per fortuna ora finito, adesso ho il problema opposto, ma meglio non lamentarsi, di sti tempi!), quindi un pò di tempo in più per me, e tanto tanto materiale accumulato nel tempo, riviste, cataloghi e una lista ben assortita di siti e blog di interior tra i miei “preferiti” (soprattutto blog americani, seguivo Design Sponge ancora ai tempi dell’università…) Ed ecco che ho così iniziato il mio blog, inventandomi questo nome un pò strano che rimanda alla mia passione per i cani.

Ci ho preso gusto, è diventato il mio hobby principale che ho coltivato e coltivo appassionandomi a campi che poco hanno a che fare con l’architettura in senso stretto e che fino a poco tempo fa vedevo lontanissimi dal mio mondo, come la grafica per il web, il social marketing, la scrittura per il web, il copyright, la fotografia…Un blog sembra una di quelle cose buttate lì, semplici da fare, ma in realtà per essere portato avanti con costanza richiede preparazione e impegno, ed un aggiornamento continuo, e ne ho ancora così tanto da fare e imparare… E poi, ci sono tutte le persone con cui sono venuta a contatto proprio grazie a Italian Bark, magari molto diverse da me ma con la stessa passione in comune, ed è un continuo imparare e ampliare i propri orizzonti.
Sto pure imparando a interagire un pò di più con tutti, dicono che quello dei Gemelli è il segno della comunicazione per autonomasia ma, dico io, non è che sono mai stata una molto comunicativa…ho Facebook da una vita ma lo uso pochissimo, e invece sono patita di Twitter (a proposito, mi trovate come @italianbark) proprio per il limite di 140 caratteri, ho poca pazienza e adoro la sintesi, ecco perchè mi piace così tanto l’inglese, una lingua sintetica ed essenziale, non per niente in inglese ci si da solo del tu!

Bene, chiudo qui questa insolita pappardella, e ci vediamo domani con un post pieno di immagini!