Search for content, post, videos

MADE IN ITALY | Visiting where Italian Ceramic and Porcelain Tiles are produced

marazzi, italian ceramics porcelain tiles, marazzi tiles, italian ceramics production, italianbark interior design blog

Recently I had the chance to visit the biggest Italian factory of ceramic and porcelain tiles, Marazzi Italy. It is located in Sassuolo, in the heart of the Italian ceramic district.

Did you know Sassuolo ceramics district in Italy?

The Sassuolo ceramics district is one of the world’s leading production centers for ceramic tile production, holding the 80% of national production. Italy is the first Country in the ceramics exports, so it is easy to understand why this production distric is actually a benchmark for the entire ceramics world.

|| Read more about the tile trends 2018 here

Download the Interior+Design Trends 2019 Guide N/T

No spam guarantee.

I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

Il mese scorso ho avuto l’occasione di visitare il più importante polo produttivo nel settore ceramica per l’architettura, quello di Marazzi a Sassuolo, una vera eccellenza Italiana.

Il distretto della ceramica Sassuolo è uno dei principali poli produttivi mondiali per la produzione di piastrelle in ceramica, realizzando l’80% della produzione nazionale. L’Italia è il primo Paese in quanto ad esportazioni del settore ceramico, quindi è facile rendersi conto delle proporzioni di questo distretto produttivo e di ciò che esso rappresenta per l’economia del nostro Paese.

|| Scoprite gli ultimi trend nella ceramica qui

 

 

Marazzi in Casiglie (Sassuolo) is one of the most advanced production sites in the porcelain and ceramic tiles.

Marazzi was founded in 1935 at Sassuolo and it has been responsible for the main technological, process and design innovations in the ceramic tile industry worldwide.  When visiting its main production site in Casiglie, I’ve been actually in touch with the most avant-garde production technologies in the ceramics at present.

In Casiglie production plant there are two continuous technology lines, active 24 hours a day, 7 days a week, with the maximum production flexibility in terms of range and size. The plant’s continuous technology enables to switch without stopping the production from one type of ceramic production to another according to market demand for size, thickness, colour and decoration. The production capacity of the plant is approximately of four million square metres per year, just to give you the proportions of what I saw.

Marazzi Casiglie (Sassuolo) è oggi lo stabilimento più all’avanguardia nella produzione della ceramica per l’architettura.

Marazzi è stata fondata nel 1935 a Sassuolo ed è stata responsabile delle principali innovazioni tecnologiche e di design nel settore ceramica per l’architettura, e ad oggi è ancora il principale produttore di piastrelle ceramiche. Quando ho visitato il sito produttivo di Casiglie, ho quindi potuto vedere applicate le più attuali tecnologie di produzione della ceramica ad oggi. 

Casiglie è stato uno dei primi stabilimenti produttivi ad applicare la tecnologia “Continua”, ovvero il processo che permette di ottimizzare al massimo la produzione di gres porcellanato senza interruzioni. L’intero impianto produttivo è infatti  attivo 24h su 24, 7 giorni su 7, e viene monitorato da un sistema centralizzato che garantisce la massima sicurezza, efficienza e qualità. La capacità produttiva dell’impianto è di circa quattro milioni di metri quadri all’anno, giusto per darvi una idea di dimensioni. 

 

 

Do you know what’s one of the key revolutions in the ceramic and porcelain tiles production?

It is called ink-jet print and this was the real revolution for the ceramics industry. Indeed, thanks to the digital printing, now the ceramic tiles are available in the most different patterns and effects, reproducing natural materials such as wood and marble.

In Casiglie there is an eight-bar printer which allows to print high resolution files on the ceramic, with different and large subjects (up to 1300 x 1300 cm). The final realism is achieved thanks to the variety of printable subjects, which allows to create patterns and veins that are always different.

Lo sapete qual è una delle più importanti rivoluzioni del settore ceramico degli ultimi anni?

E’ stata la tecnologia “ink-jet”, ovvero la stampa digitale su ceramica. Grazie alla stampa digitale infatti oggi possiamo trovare in commercio piastrelle che riproducono altri materiali (ad esempio legno o marmo) con effetti davvero realistici: il gres è oggi un materiale competitivo e un’opzione molto valida rispetto ad altri materiali perché unisce a elevate performance tecnologiche un’ottima resa estetica. 

A Casiglie è attiva una stampante ad otto barre che permette di stampare sulla ceramica file ad altissima risoluzione e soggetti diversi e di grandi dimensioni (fino 1300 x 1300 cm). Il realismo dell’effetto finale è dato inoltre dalla varietà di soggetti stampabili, il che permette di creare pattern e venature sempre diverse.

 

The difference between ceramic and porcelain stoneware tiles

I admit I used these two terms interchangeably in the past, without fully understanding the meanings and difference. When visiting Marazzi production site I figured things out on this. Making it simple: porcelain stoneware is denser, less porous and more resistant than ceramic clays. This makes porcelain stoneware a great product to be used on floorings and outdoor, while ceramic tile can be used just as wall cladding.

 

 

La differenza tra gres porcellanato e piastrelle in ceramica

Ammetto che non conoscevo bene la differenza tra gres porcellanato e piastrelle in ceramica prima di questa visita. Per semplificare le cose al massimo, vi dico che il gres porcellanato è molto più denso, meno poroso e più resistente della ceramica. Questo ne fa un materiale perfetto per i rivestimenti a pavimento e l’outdoor, mentre le piastrelle in ceramica vanno applicate solo come rivestimento a parete.

 

 

Marazzi showroom in Sassuolo

Our visit to the production site ended in the new company showroom in Sassuolo. Opened in 2015 – the company’s eightieth birthday, the Marazzi showroom in Sassuolo was designed by architect Gianluca Rossi of Uainot Architetti and it has an interior area of more than 1500 m2 and an outdoor space of more than 1000 m2.

The interior concept centred on the theme of “Looking beyond“and it opens with an hall and four large ceramic-clad monolithic towers 6 m high, covered with the latest 4 material inspirations: wood, marble, stone and concrete.

In the showroom there is also a cafè area entirely dedicated to the company collaborations with some Italian masters of design: Giò Ponti with the 4 volte curva tile, Nino Caruso with Le Forme collection, Sstudio Citterio Viel with the brand new Grand Carpet collection. Particularly interesting for us is the new “Archi-Lab“, the area dedicated to professionals with large 120×240 cm slabs and the entire color and texture range. The first floor area is dedicated to the customer and it is divided into different settings which suggest the matches between the collections in the different rooms of the house.

 

 

Lo showroom Marazzi a Sassuolo

La nostra visita si è quindi conclusa nel nuovo showroom aziendale di Sassuolo. Inaugurato nel 2015 – l’ottantesimo compleanno dell’azienda- lo showroom Marazzi di Sassuolo è stato progettato dall’architetto Gianluca Rossi di Uainot Architetti e ha una superficie interna di oltre 1500 m2 e uno spazio esterno di oltre 1000 m2.

Il concept degli interni è incentrato sul tema “Guardare oltre” e lo spazio ci accoglie con una grande sala, in cui quattro grandi torri monolitiche rivestite di ceramica alte 6 metri rappresentano le 4 ispirazioni materiche più in voga oggi: legno, marmo, pietra e cemento

Lo showroom ha inoltre un’area caffè dedicata alle collaborazioni con nomi d’eccellenza: da Giò Ponti con la piastrella 4 volte curva, a Nino Caruso con la collezione Le Forme fino al recentissimo lavoro fatto in partnership con lo  studio Citterio Viel da cui è nata la nuovissima collezione Grand Carpet. Particolarmente interessante per noi anche il nuovo “Archi-Lab”, l’area dedicata ai professionisti del progetto con le grandi lastre 120×240 cm e l’intero programma colore e texture. Il primo piano è invece dedicato al cliente finale, grazie a veri e propri ambienti della casa allestiti per suggerire possibili abbinamenti ed utilizzi delle collezioni Marazzi.

 

ITALIANBARK x Marazzi – Ph Davide Buscaglia