Search for content, post, videos

LONDON DESIGN FESTIVAL 2018 | 5 exhibitions that stood out for Innovation & sustainability

Innovative technologies & sustainability | 5 exhibitions that stood out at LDF18

London Design Festival 2018 ran from 15 to 23 September. This year there were 6 new official Design Districts (West Kensington, Marylebone, Fitzrovia, Victoria & Regent Street & St Jame’s), 11 in total between old and new ones. I take it as a sign that in a few years the LDF will spread around the entire city like the Milan Design Week, I’m curious to see it happen.

Download the Interior+Design Trends 2019 Guide N/T

No spam guarantee.

I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

Another interesting thing that I noticed this year is that the sustainability was a big design trend in this edition. Particularly in its relationship with global wellness and the evolution of technology. That’s why I decided to show you the 5 exhibitions that stood out for their innovative approach to these topics.


  1. Multiply / London Design Festival 2018

 

 

Multiply is an interactive sustainable domestic architecture that was showcased in The Sackler Courtyard at the V&A museum and was designed by Waugh Thistleton Architects, in collaboration with AHEC and Arup. They combined sustainable American tulipwood with innovative methods of modular construction, with the aim to give a practical solution for the pressing need for housing and the urgency to fight climate change.

Read my interview with Andrew Waugh, founder of Waugh Thistleton Architects, on A Designer At Heart here

 


  1. Bottletop: World’s first 3D Printed Store / London Design Festival 2018

 

 

Bottletop is a brand that was born in 2002 with the aim to create products that “blend artisanal production techniques from diverse cultures with elevated design and the finest sustainably sourced materials”. At LDF18 they hosted events in their recently launched Flagship store in Regent Street, London, where they sell bags and other products that are mainly made of bottle tops.

Obviously the shop had to be sustainable as well, so they went the extra mile and created the world’s first 3D printed store made by Robots using Recycled Plastic. The result is quite impressive, and the wall panels are shaped to create seamless hangers for the bags.

The only down side is that those bags are also made of real leather, which is not much environmental friendly. But they take care of this issue thanks to their collaboration with Mulberry, the largest manufacturer of luxury leather goods in the United Kingdom, who have a strong Corporate Social Responsibility approach.

 


  1. Skandium: The Eco Townhouse / London Design Festival 2018

 

 

Skandium is a leading company supplying Scandinavian design products, with many stores across the UK. Personally I consider it a must-go every time I’m around Marylebone area.

This year they decided to convert their flagship four-storey townhouse in South Kensington into a Scandinavian eco home. The idea was to only showcase Scandinavian brands with a level of ‘ethical commitment’, which could range from sustainably sourced materials, to responsible manufacture or corporate responsibility initiatives. Each piece was accompanied with their individual story of sustainability.

Read more on DeZeen here

 


  1. Please feed the Lions / London Design Festival 2018

 

 

Please Feed The Lions is an interactive installation by artist Es Devlin. It took place in Trafalgar Square and was done in partnership with Google Arts & Culture.

They worked on artificial intelligence to create a deep learning algorithm able to transform random words into poems. Then they placed a fifth fluorescent red lion at the base of Nelson’s Column, facing towards the National Gallery. The new lion could be “fed” by words that were chosen by the public, and it combined them into poems which were shown on LEDs embedded in its mouth by daylight. By night, the poem was projection-mapped over the lion. The result is a collective poetic voice.

 


  1. A Fountain for London / London Design Festival 2018

 

 

A Fountain For London is a project of The London Fountain Company. The founders, Charles Asprey and curator Jane Withers, wanted to reduce disposable plastic bottle use by providing free drinking water. During LDF18 they partnered with designer Michael Anastassiades and presented the first prototype of a fountain which will be soon installed across the streets of London.

Read our interview with Michael Anastassiades here

 


Did you like our selection of London Design Festival events?

Enjoy more posts about London:

Photo credit: Please Feed The Lions >> John Nguyen/PA Wire; Bottletop Flagship store >> Martina Pardo – A Designer At Heart; All others >> Press images


[ ITALIAN ]

Il London Design Festival 2018 si è svolto dal 15 al 23 settembre. Quest’anno ci sono stati 6 nuovi Distretti di Design (West Kensington, Marylebone, Fitzrovia, Victoria e Regent Street & St Jame’s), 11 in totale tra vecchi e nuovi. Lo prendo come un segnale che fra pochi anni il LDF si diffonderà in tutta la città come la Design Week di Milano, sono curiosa di vedere come evolverà.

Un’altra cosa interessante che ho notato quest’anno è che il tema della sostenibilità è stato il protagonista assoluto. In particolare nel suo rapporto con il benessere globale e l’evoluzione della tecnologia. Ecco perché ho deciso di mostrare le 5 esibizioni che si sono distinte per il loro approccio innovativo a questi argomenti.

  1. Multiply

Multiply è un’architettura domestica sostenibile e interattiva che è stata esposta in The Sackler Courtyard presso il V&A museum ed è stata progettata da Waugh Thistleton Architects, in collaborazione con AHEC e Arup. Hanno utilizzato un legno americano sostenibile insieme a metodi innovativi di costruzione modulare, con l’obiettivo di fornire una soluzione pratica per il problema della necessità di alloggi e l’urgenza di combattere il cambiamento climatico.

Per saperne di più potete leggere la mia intervista a Andrew Waugh, fondatore di Waugh Thistleton Architects, su A Designer At Heart

  1. Bottletop: World’s first 3D Printed Store

Bottletop è un marchio nato nel 2002 con lo scopo di creare prodotti che “uniscono tecniche di produzione artigianale da culture diverse con design sofisticato e materiali di provenienza sostenibile”. A LDF18 hanno ospitato eventi nel loro Flagship store, recentemente inaugurato a Regent Street, a Londra, dove vendono borse e altri prodotti che sono principalmente fatti di tappi per bottiglie.

Ovviamente anche il negozio doveva essere sostenibile, così hanno creato il primo negozio al mondo stampato in 3D realizzato da Robots, utilizzando plastica riciclata. Il risultato è piuttosto impressionante e i pannelli a muro sono sagomati per ospitare degli appendini senza soluzione di continuità.

L’unico lato negativo è che le loro borse sono fatte anche di vera pelle (oltre che tappi riciclati), e si sa che la lavorazione della pelle non è molto rispettosa dell’ambiente. Ma risolvono problema grazie alla collaborazione con Mulberry, il più grande produttore di pelletteria di lusso nel Regno Unito, che pone una forte attenzione alla Responsabilità Sociale d’Impresa.

  1. Skandium: The Eco Townhouse

Skandium è un’azienda leader nella fornitura di prodotti di design scandinavo, con molti negozi in tutto il Regno Unito. Personalmente lo considero un must-go ogni volta che mi trovo in zona Marylebone.

Quest’anno hanno deciso di convertire la loro casa/flagship store di quattro piani a South Kensington in una casa ecologica scandinava. L’idea era di mostrare solo i marchi scandinavi con un livello di ‘Impegno etico’, che variava da materiali di provenienza sostenibile, a iniziative di produzione responsabile o di responsabilità aziendale. Ogni pezzo è stato accompagnato con la propria storia individuale di sostenibilità.

Scopri di più su DeZeen qui 

  1. Please feed the Lions

Please Feed The Lions è un’installazione interattiva dell’artista Es Devlin. Si è svolta a Trafalgar Square ed è stata realizzata in collaborazione con Google Arts & Culture. Hanno lavorato sull’intelligenza artificiale per creare un algoritmo in grado di trasformare parole casuali in poesie con senso logico. Poi hanno inserito un quinto leone rosso fluorescente alla base della Colonna di Nelson, di fronte alla National Gallery. Il nuovo leone poteva essere “nutrito” da parole scelte dal pubblico, le quali sono state combinate insieme per comporre poesie. Queste di giorno venivano mostrate su LED incorporati nella bocca del leone rosso. Di notte, il poema era proiettato direttamente sul leone. Il risultato ha portato alla luce una voce poetica collettiva.

  1. A fountain for London

A Fountain For London è un progetto della London Fountain Company. I fondatori, Charles Asprey e la curatrice Jane Withers, hanno voluto incrementare una battaglia contro l’uso di bottiglie di plastica usa e getta fornendo acqua potabile gratuita. Durante LDF18 hanno collaborato con il designer Michael Anastassiades e presentato il primo prototipo di una fontana che sarà presto installata per le strade di Londra.

Leggi la nostra intervista a Michael Anastassiades qui