Search for content, post, videos

INTERVIEWS | Talking with Paola Navone at Salone del Mobile 2018 in Milan

paola navone gervasoni 2018 salone del mobile

If you read this blog, you already know that Elisabetta is selling the ultimate independent eBook with the latest News+Trends in Interior and Design for 2019, as seen at MilanDesignWeek 2018. I personally love it. And I love it even more since I contributed a little to it.  In fact, the eBook features five interviews to international designers. I had the pleasure to write three of them.

But first, I have to give a brief introduction.

Download the Interior+Design Trends 2019 Guide N/T

No spam guarantee.

I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

Before sharing with you the first interview today, I have to tell you this: I had never done any interview before. I’m a freelance interior architect who, one day, started writing about interiors out of nowhere. I will never stress enough how beneficial this choice has been for my professional (and personal) growth so far. I am now part of a great network of like-minded people and I write articles that help me to stay informed for my own job. Well, I admit that when Elisabetta asked me to interview Paola Navone, Bethan Laura Wood and Christian Andersen, I felt a little nervous at first. I mean, these guys are so huge, and I started my blogging activity quite recently. But the opportunity was so great that out of enthusiasm I forgot about all the things that could go wrong. And I just went for it!

Let me tell you this: these interviews taught me more than any other article I had written before.

The designers are all very different from each other so hearing their stories was really interesting. And I ended up learning something from each of them.

[ ITALIAN VERSION BELOW ]

Photo Giovanni Gastel – Swatch Thammada

The first one was Paola Navone.

I met her at Gervasoni stand at Salone del Mobile, sitting on one of her creations. If someone had told me that she would end up asking me a question, instead of just answering, I would have probably pretended to be sick and given up without even going * panic moment*!

Here is a little preview of our conversation (the other two will follow in the next months).

Enjoy!

 

– Paola Navone Interview – 

 

M | Let’s talk about the new collection for Gervasoni. Where does the inspiration come from?

P | Usually when we approach a project there are two steps: one is the analysis and the other is the summary. Analysis is like breathing, you never really stop doing it. During my day while I sleep, eat and go somewhere, there are shapes, colours, scents…

Everything is registered in my head. And then sometimes one of the elements emerge from my head, that’s the summary and it’s usually really quick. We are able to work really quickly because we constantly do the analysis work like breathing. My assistants have learnt to do this so all of us work in the same way. Also, we believe that travelling is a state of mind: you can just go to the supermarket or the theatre and that can be as inspiring regardless of how far you go.

 

paola navone gervasoni 2018 salone del mobile

 

M | I really like the new little Carve armchair for Gervasoni. Could you please talk a bit about it?

P | Of course, that actually is a sort of African inspired piece. But then we were able to make it only after a trip to Asia, where I discovered these people who were able to carve wood. I asked them if they could hand carve it and they said it was impossible at first. They were worried it would not be as good as machine carved. So then I insisted as I thought it would look even better. I had to bet it would work, and I was right. It looks like a beautiful African sculpture. Sometimes artisans feel inferior to the machines. I think that’s not necessarily the case: perfection is arbitrary. A piece could be all crooked and that’s exactly how it’s supposed to be.

 

 

M | What’s your feeling about Italian design at present?

P | I think Italy is a special country because it’s plenty or forward thinking companies who understood the financial value of aesthetic and design. Now it’s not just Italian design anymore: many schools have been created in Europe, and so many people want to do this job! Our companies are still Italian but the designers are actually from everywhere.

But you have to answer a question for me: I kinda have the feeling that my generations worked a lot more on the shape of things. I think new designers today are more interested in the performances of the objects, rather than their look. What do you think?

M | Do you mean they focus on functionality?

P | Maybe. For example they want music to be played in a certain way, but they don’t care as much about what shape the music player is. I’m exaggerating here but don’t you think aesthetic is becoming less important?

 


At this point, I was already fascinated by the fact that a designer with so much experience considered one of her last pieces of work as “an experiment she had to bet on”. I thought that when you are in that position, it means you just know what you are doing. But with her stories she taught me that an experienced person is the one who keeps asking questions, regardless of how much she may already know.

I looked at her new Moon table whose legs are reminiscent of vases and of the moon’s surface. And I looked at the little African inspired Carve armchair with all her irregular holes and I thought that yes, this woman is definitely paying a lot of attention to the shape of her designs.

If you think about how much technology is affecting our everyday life, how much we focus on efficiency and performances, I get that shapes might not be young generations’ first concern.

But does that mean that shape is dead? I sincerely hope not.

 

Curious to read the full interview?

Click here to get the N/T eBook!

 

interior trends, milan design week, design trends 2019

 

[ ITALIAN VERSION ]

Se leggi questo blog, sai già che Elisabetta ha appena lanciato il suo primo eBook sulle novità e tendenze in Interior e Design per il 2019, come osservate a MilanDesignWeek 2018. Io personalmente lo adoro. E lo amo ancora di più poiché in piccola parte ho contributo alla sua realizzazione.

L’eBook infatti contiene cinque interviste. Io ho avuto il piacere di scrivere tre di queste

Ma prima, devo farvi una confessione: non avevo mai fatto un’intervista prima. Sono un architetto d’interni freelance che un giorno dal nulla si è messa in testa di scrivere di interior design. Non dirò mai abbastanza quanto sia stata utile questa scelta per la mia crescita professionale (e personale). Ora faccio parte di una rete di persone con gli stessi interessi e scrivo articoli che mi aiutano a tenermi informata per il mio lavoro. Ammetto che quando Elisabetta mi ha chiesto di intervistare Paola Navone, Bethan Laura Wood e Christian Andersen, all’inizio mi sono sentita un po’ nervosa. Stiamo parlando di designer che stimo moltissimo, e io ho iniziato la mia attività di blogging abbastanza di recente. Ma l’opportunità era così allettante che l’entusiasmo mi ha fatto dimenticare tutte le cose che sarebbero potute andare storte.

Lasciatemi dire ora che queste interviste mi hanno insegnato più di ogni altro articolo che avessi scritto prima.

I tre designer con cui ho avuto il piacere di parlare sono molto diversi, quindi ascoltare le loro storie è stato davvero interessante. E ho finito per imparare qualcosa da ognuno di loro.

La prima è stata Paola Navone.

L’ho incontrata allo stand Gervasoni al Salone del Mobile, seduta su una delle sue creazioni. Se qualcuno mi avesse detto che l’intervista si sarebbe conclusa con una domanda di Paola a me, invece di limitarsi a rispondere alle mie, probabilmente mi sarei data malata e non mi sarei neanche presentata!

Abbiamo deciso di mostrarvi un’anteprima della nostra conversazione (le altre due interviste seguiranno nei prossimi mesi). Buona lettura!

 

– Intervista con Paola Navone – 


M | Parliamo della nuova collezione per Gervasoni. Da dove viene l’ispirazione?

P | Sai nel progetto ci sono queste due fasi: una di analisi e una di sintesi. E nel mio caso queste due fasi sono estremamente diverse tra di loro. La parte di analisi è una specie di attività come respirare, che non si ferma mai, funziona 24 ore al giorno. Tutte queste informazioni, forme, colori, odori, finiscono tutte in un gran contenitore che sta dentro la mia testa. E poi quando abbiamo un progetto è come una bollicina d’olio nell’acqua, qualche cosa sale a galla. Quindi diciamo che la parte di sintesi è rapidissima. Infatti lavoriamo molto rapidamente ai progetti, ma perché dietro c’è questa specie di costante attività che è come un po’ respirare. E tutti i miei assistenti pian pianino sono diventati così anche loro. E poi abbiamo questa idea del viaggio come forma mentis. Magari vado al supermercato, o a vedere una mostra, in qualche modo son tutti viaggi perché io ho questa idea che viaggiare è un po’ un atteggiamento della testa, più che i chilometri che fai da un posto all’altro. Insomma in realtà puoi fare un viaggio in un posto molto vicino a casa tua.

 

paola navone gervasoni 2018 salone del mobile


M | Mi piace molto la nuova poltroncina Carve. Potresti parlarne un po’?

P | Ah si quella lì non so bene come è nata, è un pezzo ispirato all’Africa. Ma poi siamo riusciti a farlo solo dopo un viaggio in Asia, dove ho scoperto queste persone che erano capaci di bucare il legno. Ho visto dei pezzi e ho detto “ma scusate ma non potete bucare a mano?”. Allora loro hanno detto “Ma no, non saremo mai capaci di fare bene come la macchina”. Io ho detto: “No, non c’è bisogno, fate a mano che secondo me viene anche meglio”. E allora c’è stata un po’ questa scommessa. E infatti, lo vedi, è una specie di scultura africana bellissima. E’ un pezzo un po’ speciale e che ti fa venire in mente dei luoghi lontani. E che può stare in un salotto come se fosse una scultura…loro ne erano molto fieri e la cosa è cominciata proprio così, come una specie di scommessa con queste persone. Certe  volte chi lavora con le mani ha un po’ di timore perché si sente inferiore alla macchina. Io penso che non è sempre vero, perché la perfezione non è un valore assoluto. Una cosa può essere non perfetta o tutta storta e andare bene comunque.

 

paola navone gervasoni 2018 salone del mobile


M | Cosa ne pensi del design italiano al momento?

P | L’Italia è un paese speciale perché ha una serie di aziende straordinarie, che hanno capito il valore economico dell’estetica e del design. Non si parla più soltanto di design italiano perché oramai in Europa si sono sviluppate tantissime scuole di grande valore. E quindi ormai un sacco di progettisti sono entrati a fare parte di questo lavoro. Le aziende sono ancora italiane ma i progettisti sono un po’ che arrivano da tutte le parti ormai.

Ma devi rispondere tu ora a una domanda per me: io ho come l’impressione che le mie generazioni abbiano lavorato molto di più sulla forma delle cose. Penso che i giovani oggi siano più interessati alle performance degli oggetti, piuttosto che al loro aspetto. Cosa ne pensi?


M | Vuoi dire che si concentrano sulla funzionalità e sulla praticità?

P | Non lo so. La praticità, il fatto di voler sentire la musica in un certo modo. Non gli interessa certo la forma del giradischi, ecco. Non so, non pensi che ci sia un passaggio dalla tanta estetica alla zero estetica? Ora esagero eh, ma intendo più attenzione ai comportamenti e alla funzionalità, piuttosto che alla forma delle cose.

 

paola navone gervasoni 2018 salone del mobile


A questo punto, io ero già molto affascinata dal fatto che una designer con così tanta esperienza considerasse uno dei suoi ultimi progetti come il risultato di “una scommessa”. Con le sue storie, lei mi ha insegnato che una persona esperta è quella che continua a porsi domande, indipendentemente da quante risposte abbia già ricevuto. Ho guardato il suo nuovo tavolo Moon, le cui gambe ricordano vasi e la superficie della luna. E ho guardato la piccola poltroncina Carve, di ispirazione africana con tutti i suoi buchi irregolari:  ho pensato che sì, questa donna crea prodotti le cui forme hanno un fascino unico.

Se penso anche a quanto la tecnologia influisca sulla nostra vita quotidiana, a quanto ci concentriamo sull’efficienza e sulla velocità, rifletto anche sul fatto che sì, le “forme” non siano più di primaria importanza per i più giovani. Ma questo significa che l’interesse per la forma stia per esaurirsi? Sinceramente, spero di no!

 

Potete leggere l’intervista completa nell’ eBook N/T qui

 

Paola Navone & Me