Search for content, post, videos

DESIGN TRAVELS | Vienna in 3 days (barking in Vienna part 2)

vienna map

vienna map

image via etsy

+

Download our free Interior Trend Reports

and join more than 5000 subscribers to our weekly newsletter: unreleased contents, free trend reports and special discounts for our trend book and webinars

I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Vienna in 3 days (part 2)

————-> have a look here for part 1

3571784

 Day3

good morning
vienna in 3 days - cafè sacher
IMG_3260

 

This time we started the day with the typical breakfast of the tourist, at Cafè Sacher…
A good cappuccino and the famous chocolate cake, that seems to have been invented here (even if there are different opinions about this)
+
Stavolta iniziamo la giornata con da veri turisti (italiani, aggiungerei..) :)
al Cafè Sacher per un cappuccino e la classica fetta di torta al cioccolato, pare sia stata inventata qui (anche se c’è un dibattito al riguardo..)

Day 3 part 1

day 2 prater vienna @italianbark map

.
Today is much colder outside than yesterday in Vienna, this morning we planned to visit Schloss Belvedere (1.2), Prince Eugene of Savoy’s own castle, which takes its name from its strategic location and panoramic view over the city. The night before he even snowed in Vienna, so we couold see the beautiful gardens in Belvedere whitened by the snow (the positive side of this cold outside 😉 And of course we walked up to the Upper Belvedere, which houses an art museum, with a collection dedicated to Gustav Klimt, inclusing the famous Kiss. Don’t know if you’ll agree… but in my opinion just the opportunity to see this work of art is worth the trip!

Then we head along the East side of the Ringstrasse in northern direction (skipping a stop that I had planned before, the Mak), to reach the famous Hundertwasserhaus (3-4): a residential building with 50 apartments, designed by the homonymous artist and Austrian architect. Friedensreich Hundertwasser has created here a corner which is completely different from the rest of the city, a building in which the edges are replaced by curved lines, full of colours and of different claddings on the façade. Many unexpected elements here, what about the Londoner red phone cabin (5), I couldn’t resist to jumpinside it! It is even more odd to see a building like tis one in a city like Vienna, which is so elegant and homogeneous, sometimes so perfect to be quite monotonous. Unfortunately the apartments are not open in Hundertwasserhaus (because they actually live inside!), there is just a small set of shops in front of the building in Hundertwasser style, although I found it a little bit too touristy for my taste…

For lunch, since we already were in the North-East side of the center, we decided to head to the Prater. And here triggered the drama…
[quote] Error No. 4: not double checking  the tram to the Prater [/quote]
… because the Prater, is just six million square meters wide and five kilometers long, and of course not all trams stop in front of the famous Panoramic Wheel. And of course we took the wrong one, and we had to walk along this little park with a feezing climate, sarving and lookign for a place where having lunch -obviously here in winter almost everything is closed. But we survived (!!) and we’ve arrived to the Panoramic Wheel (6), alias Vienna icon, built in 1896 and still working. And here a nice surprise, the only Christmas market in Vienna that is still open in January, the one in Riesenradplatz (7). An hot punch now (how many different types of punch exist here in Vienna ???)

+
Giornata molto, molto più fredda quella di oggi (rispetto alle prime due, le trovate qui) e lo abbiamo sentito ancora di più sopra allo Schloss Belvedere (1,2), il castello del principe Eugenio di Savoia che prende il nome proprio dalla sua posizione strategica e panoramica rispetto alla città. La sera prima ha pure nevicato un bel pò, quindi riusciamo a vedere i bellissimi giardini anche un pò innevati, questo freddo ha anche qualche lato positivo 😉 E saliamo ovviamente fino al Belvedere Superiore, che ospita un museo d’arte con una parte interamente dedicata a Gustav Klimt, e al suo Bacio.  non lo so se voi siate d’accordo…ma per me solo il poter vedere dal vivo quest’opera d’arte è valsa il viaggio!

 

 
Ci dirigiamo poi lungo il lato est della Ringstrasse verso nord, saltando una tappa che invece avevo previsto, il Mak, per raggiungere il famoso quartiere dell’Hundertwasserhaus (3-4): un complesso residenziale, di 50 appartamenti, progettati dall’omonimo artista ed architetto austriaco. Friedensreich Hundertwasser ha creato qui un angolo completamente diverso da tutto il resto della città, un edificio in cui gli spigoli sono sostituiti da linee curve, pieno di colore e di rivestimenti diversi in facciata. Ma anche di elementi inaspettati, che dire della cabina telefonica in stile londinese (5), non potevo non fiondarmi dentro…fa particolarmente effetto vedere un edificio del genere in una città elegante ed omogenea come Vienna, a volte talmente perfetta da sembrare quasi monotona. Purtroppo gli appartamenti non sono visitabili (anche perchè dentro ci vivono!), c’è solo un piccolo insieme di negozi davanti sempre in stile Hundertwasser anche se un pò troppo turistico per i miei gusti…

 

 
Per pranzo, visto che siamo già in zona nord est rispetto al centro, decidiamo di dirigerci verso il Prater. E qui scatta il dramma…
[quote]errore nr 4 : controllate bene il vostro tram verso il Prater[/quote]
 
 
…perchè il Prater è grande solamente sei milioni di metri quadri, lungo cinque chilometri, e non è che tutti i tram fermano di fronte alla famosa ruota panoramica. E ovviamente noi abbiamo preso quello sbagliato, trovandoci a percorrere questo piccolo parco a piedi con un clima gelido e una fame mostruosa, e ovviamente qui d’inverno non c’è quasi nulla di aperto. Siamo comunque sopravvissuti e arrivati sotto questa benedetta ruota panoramica (6), simbolo di Vienna e costruita nel lontano 1896.
E qui una bella sorpresa, l’unico mercatino di Natale di Vienna ancora aperto a gennaio, quello di Riesenradplatz (7).
Un buon punch a questo punto ci sta tutto, che poi tra l’altro quanti tipi di punch esistono qui a Vienna???

 

vienna in 3 days - schloss belvedere
vienna in 3 days - schloss belvedere
vienna in 3 days - hunderwasserhaus
vienna in 3 days - hunderwasserthausvienna in 3 days - hinderwasserhaus
vienna in 3 days - prater
vienna in 3 days - christmas market prater

Day 3 part 2

map copia
.
In the second part of the day, we completed the Ringstrasse tour with the Northwest side, that we haven’t seen before.
We choose to do it with the tram line, having bought a 72 hrs Vienna Card which allows the access to all public transports and to various museums with a discount (not very high, but better than nothing!) There is also a special tourist tram for Ringstrasse tour, which lasts half an hour and cost 9 euro, but we opted for public transports instead. That’s very easy, we took line 2, in a counterclockwise direction, and then we changed in Schwedenplatz, to take after few minutes tram 1 and to complete our tour of the Ringstrasse. Just a few minutes there in the stop for the change, to admire Sofitel (1), designed by Jean Nouvel, with its spectacular colourful ceiling…(next time we definitely have to go up there for a drink at LeLoft!The Western part of the city is the most spectacular one, especially the Rathaus (2), that’s amazing, even more at the sunset with its lights on. Unfortunately in those days they were dismantling the Christmas ice rink, … but the Christmas tree was still there :)Unfortunately, even in Marie-Theresien Platz there is only a trace of Christmas markets, with all the typical wooden houses closed… We decided (not me, actually, I’m not a great lover of stuffed animals…) to visit the Natural History Museum: its interior is majestic, and a coffee under the enlightened dome of the coffee shop was a great choice (3)

Our last evening in Vienna: a walk in the center, to admire the Parlament, the Hofburg (4) and Michaelerplatz enlightened, to finally reach a nice place for dinner, along a side street of Kohlmarkt (the Hopferl, that’s the name of the place): not touristy, with abundant beers and food 🙂


+
 
Nella seconda parte della giornata, completiamo il giro della Ringstrasse con il lato che ancora non abbiamo visto, quello di nord-ovest.
Scegliamo di farlo con il semplice tram di linea, avendo acquistato una Vienna Card della durata di 72 ore che permette di accedere a tutti i trasporti pubblici e a vari museu con uno sconto (non molto alto, ma meglio di niente!) Esiste anche un tram appositamente per i turisti per fare il giro della Ringstrasse in mezz’ora, a 9 euro, ma potendolo fare comunque con i mezzi pubblici optiamo per quelli. Molto semplicemente, prima abbiamo preso la linea 2, in direzione antioraria per così dire, e abbiamo cambiato a nord a Schwedenplatz, per prendere dopo pochi minuti il tram numero 1 e completare il giro della Ringstrasse.

 

Giusto qualche minuto per ammirare l’edificio del Sofitel (1) progettato da Jean Nouvel, con il suo spettacolare controsoffitto colorato…e la prossima volta ci voglio assolutamente andare a bermi qualcosa lassù al LeLoft!

 

 
La parte ovest della città è la più spettacolare, e resto a bocca aperta di fronte al Rathaus (2), il municipio di Vienna. All’imbrunire, già illuminato, è davvero uno spettacolo. Purtroppo stavano smontando proprio in quei giorni la pista di pattinaggio sul ghiaccio allestita proprio lì davanti in occasione delle feste natalizie…ma l’albero c’era ancora 🙂
 

 

Purtroppo, anche a Marie-Theresien Platz c’è solo una traccia dei mercatini di Natale, con tutte le tipiche casette in legno chiuse…decidiamo (non proprio io, in realtà, non sono una grande amante degli animali imbalsamati…) di visitare il Museo di Storia Naturale, e ne vale però la pena anche per ammirare i suoi maestosi interni e per berci un caffè sotto la cupola illuminata del coffee shop del museo (3)
 

 

Ultima serata a Vienna: ammiriamo il Parlament , l’Hofburg (4) e Michaelerplatz illuminati, per trovare infine un bel posticino per la cena lungo una via laterale di Kohlmarkt, l’Hopferl, poco turistico, e piatti e birre abbondanti 🙂
+
vienna in 3 days - sofitel jean nouvelvienna in 3 days - rathausvienna in 3 days - museo storia naturale
hofburg vienna by night

Day 3, finished.

vienna in 3 days

3571784

 Bye Vienna!

scloss

 

We left on Monday morning, but before leaving Vienna we did our last stop, to visit Schloss Schonbrunn, which is in the way to the motorway just south-west from Vienna city center.
Here, you can choose among different tours of the interior, all of them with a free audio guide. We went for the Imperial Tour, to visit imperial apartments and the amazing Great Gallery.
The park is no less than the palace…even if it was so cold we weren’t able to walk till the top of Belvedere.
Vienna panorama from there should have been spectacular…at least, they say 😉

.
Ce ne siamo andati da Vienna il lunedì mattina, ma prima di lasciare definitivamente la città abbiamo fatto un’ultima tappa allo Schloss Schonbrunn ,che si trova proprio lungo la direzione che porta all’autostrada (ovvero a sud-ovest rispetto al centro).
Qui potete scegliere tra diversi tour del palazzo imperale, sempre con audioguida gratuita compresa, e noi abbiamo scelto l’Imperial Tour. Impressionante è la Grande Galleria, e solo questa incredibile stanza basta per non pentirsi di essere venuti fino a qui!
Anche il parco non è da meno…anche se faceva così freddo che non abbiamo nemmeno avuto il coraggio di salire fino al Belvedere.
Qui, si gode di una stupenda vista panoramica della città…almeno, così dicono 😉
vienna in 3 days - schloss schonbrunn
 3571784
Ora, la vorrei vedere con la bella stagione…
perchè forse i primi giorni di Gennaio sono stati un pò un’azzardo per vistare questa fredda città!IMG_2959
logonero